Percezioni della mostra “Percezioni dal Sottosuolo”

IL BUIO È PIÙ LUMINOSO DELLA MANCANZA DI LUCE
DI ELISA MUSCATELLI       
(Leggi sul sito…)

Nel sottosuolo, e in quella linea di confine che separa il nostro camminare quotidiano da un fermento di energie vibranti, tutto accade, si plasma, muore e germoglia in nuove forme, palesandosi infine in superficie. Così avviene per il processo artistico, di cui percepiamo solitamente solo il risultato finale: l’opera, e la sua condizione esistenziale. Nella casa/studio di Eleonora Gugliotta il sottosuolo perde l’accezione di totale oscurità e incomunicabilità, e diventa spazio site-specific in cui coesistono, mantenendo la propria autonomia, le opere di Eleonora Gugliotta, Athanasios Alexo, Noemi Mirata, Laura Guilda, Mahnaz Seyed Ekhtiary, Vincenzo Zancana, Edvige Cecconi Meloni, Mattia Davide Amico. Capelli, carta realizzata a mano, strutture in ferro e acciaio, dispositivi video, vestiti cuciti a misura d’uomo creano un percorso eterogeneo in cui diverse voci sono chiamate a chiedersi cosa ci sia nel sottosuolo nella sua accezione più Naturale; un sotto-suolo che appartiene tanto alla Natura quanto all’essere umano.

Il movimento discensionale, che guida verso lo studio situato sotto terra, diventa anche un approccio artistico. Sopra lo studio, le energie fluiscono ma vengono interrotte dai richiami dei vicini infastiditi, rintanandosi poi nel livello sottostante. Qui, un ambiente pieno di luce in cui le opere colonizzano l’intero spazio, lo scorrere del tempo è diversamente percepito e i dialoghi costanti creano uno scorrere fluido. Le opere, in quanto forme della superficie, emergono portando con sé la storia del processo creativo.

E così, in questo clima di trasformazione, i capelli diventando texture di interi paesi, la carta diventa una superficie per disegni narrativi e simbolici, le strutture in ferro e acciaio diventano supporto per un paesaggio stanco e fin troppo usurato in ecoflat. L’ambiente viene percepito nella sua totalità, integrando anche le sfaccettature più  disturbanti del sottosuolo. Oggetti di uso quotidiano vengono sporcati da capelli aggrovigliati, fili di lana creano delle forme percepibili solo spegnendo la luce principale, mentre numerosi monitor riproducono in loop forme naturali oniriche. Nell’immaginario comune l’ambiente viene inteso come lo spazio con il qualche entriamo in contatto e il terreno sottostante un’oscurità che non prevede interazione. Paradossalmente quello che è maggiormente presente in questo immaginifico sottosuolo è la presenza umana. Tutto all’interno dello spazio mostra la necessità espressiva del contatto, del relazionarsi e di creare nuove Sostanze Ibride, capaci di affiorare in superficie per poi portare con sé il visitatore nella loro realtà sotterranea.


ArtsLife: PERCEZIONI DAL SOTTOSUOLO. ATELIER APERTO IN UNA CASA/STUDIO MILANESE     

Percezioni dal sottosuolo è una mostra curata da Paolo Licata e Laura Pieri nella Casa/Studio dell’artista Eleonora Gugliotta, a Milano
(Leggi sul sito…)

Artisti che esplorano con differenti linguaggi le possibilità percettive, cercando di mostrare qualcosa oltre il visibile, oltre il sonoro, oltre lo sguardo superficiale. Percezioni dal sottosuolo è una mostra curata da Paolo Licata e Laura Pieri nella Casa/Studio dell’artista Eleonora Gugliotta, a Milano. Che vede esposte opere della stessa Gugliotta, di Athanasios Alexo, Noemi Mirata, Mahnaz Seyed Ekhtiary, Edvige Cecconi Meloni, Vincenzo Zanacana, Laura Guilda e Mattia Davide Amico.

Lo spazio, molto grande, si presenta come una casa studio ipogea, una raccolta di modernariato e modelli di opere. Un Atelier, dove creatività, design e arti visive convivono in armonia. Le installazioni spaziano da elementi plastici a dipinti, a disegni, elementi vivi vegetali e video, un pianoforte ‘truccato’ e fili intersecati a costruire geometrie e mappe. I concetti espressi vanno dall’emancipazione femminile al diario di bordo, da suggestioni cromatiche a riciclo di materiali industriali in una sensibilità sociale ed ecologica. Nel complesso una bella mostra che apre scenari nuovi di ricerca nel panorama milanese.

condividi su:


torna indietro